“Spegni il fumo, accendi la vita” a Genova il 31 maggio

29 Mag 2019 - News

“Spegni il fumo, accendi la vita” a Genova il 31 maggio

“Spegni il fumo accendi la vita” Cooperare per lo sviluppo “Spegni il fumo, accendi la vita”è un progetto che ha come obiettivo contrapporre al dannoso consumo del fumo per la salute, a quello autentico della solidarietà attiva. Donare una prospettiva di vita diversa ad un bambino ad una famiglia ad una comunità significa convertire in gesti di solidarietà i soldi spesi in dannose sigarette.La cooperazione allo sviluppo del nostro Paese,si fonda su due basi prioritarie. La prima è l’esigenza solidaledi garantire a tutti gli abitanti del pianeta la tutela della vita e della dignità umana. La seconda vede nella cooperazione allo sviluppoil metodo per instaurare, migliorare e consolidare le relazioni tra i diversi Paesi e le diverse comunità. Questo scambio tra pari, oltre che far crescere la conoscenza reciproca necessaria a comprendere le reali necessità delle comunità locali destinatarie degli interventi, favorisce relazioni finalizzate ad una crescita economica, ma soprattutto sociale ed umana, rispettosa dell’ambiente e delle diverse culture e che sappia tutelare i beni comuni come acqua, cibo ed energia, così da assicurare la crescita del benessere delle popolazioni e perseguire la pace tra i popoli. Il momento per la solidarietà può iniziare il 31 maggio, quandol’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i partner globali celebrano il World No TobaccoDay (WNTD).La campagna annuale è un’opportunità per sensibilizzare le persone sugli effetti nocivi e mortali dell’uso del tabacco e dell’esposizione al fumo indiretto e per scoraggiare l’uso del tabacco in qualsiasi forma. L’obiettivo di World No TobaccoDay 2019 è sulla “salute del tabacco e dei polmoni”. La campagna aumenterà la consapevolezza su: l’impatto negativo che il tabacco ha sulla salute dei polmoni delle persone, dal cancro alle malattie respiratorie croniche, il ruolo fondamentale che i polmoni svolgono per la salute e il benessere di tutte le persone. La campagna serve anche come invito all’azione, sostenendo politiche efficaci per ridurre il consumo di tabacco e coinvolgere le parti interessate in più settori nella lotta per il controllo del tabacco.

Coordinatore scientifico del progetto prof. GIACOMO MANGIARACINA

Ogni anno il Fumo uccide 80mila italiani. Solo per il cancro del polmone in Italia i decessi sono 30mila l’anno, cifre spaventose. Fumare non è un vizio ma una dipendenza, una malattia chiamata Tabagismo, dalla quale si può guarire. Il Ministero della Salute ha creato un numero verde a cui ci si può rivolgere per un aiuto: 800.554088. Per informazioni l’Agenzia Nazionale per la Prevenzione (ANP) ha istituito una info-mail: terapia@tabagismo.it e un numero riservato alle scuole per progetti di prevenzione: 348.6433378.

PROGRAMMA
Ore 09.30 Registrazione partecipanti

Presidenza

Corrado OPPEDISANO Giacomo COSTA
Vice Presidente Reach Italia Dirigente Scolastico Istituto Gobetti
Membro del CNCS Ministero AA. Esteri e Cooperazione

Saluto delle istituzioni Pubbliche
Marco BUCCI
Sindaco della Città di Genova

Ilaria CAVO
Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e Culturali – Regione Liguria*

Barbara GROSSO
Assessore alle Politiche giovanili e Culturali del Comune di Genova

Matteo ROSSO
Presidente Commissione Sanità Regione Liguria

L’autorità Scolastica Regionale
Loris Azhar PEROTTI
Direttore Scolastico Regionale

Le Istituzioni Comunitarie
Niccolò RINALDI
Alto Funzionario Parlamento Europeo –Settore Cooperazione -Iran Asia Centrale

Interventi

Sono previsti Interventi degli studenti e Docenti del Liceo Piero Gobetti

Fabrizio FRATUS
Sociologo, Responsabile Nazionale del Progetto e comunicazione di Reach Italia

Gian Luca PARISCENTI – Stefano SCABINI
Direttore UOC Chirurgia Toracica -IRCCS Policlinico San Martino
ResponsabileSSD di Chirurgia Generale ad indirizzo Oncologico – IRCCS Policlinico San Martino

Cristina BARBARA – Tiziana ZAPPULLA
Centro Antitabacco Genova
Testimonial: Il mondo dello sport…e…altro

Carlo SABATINI – Luca DE PRA’
Allenatore Primavera Genoa CFC
Preparatore dei Portieri Primavera Genoa CFC

Giovanni INVERNIZZI
Responsabile Settore Giovanile U.C.Sampdoria

Simone BRAGLIA
Calciatore ex portiere Genoa CFC e A.C. Milan

Mirko CONTE
Calciatore ex difensore U.C. Sampdoria

Rappresentate Società Genoa e Sampdoria

Francesco Maresca
Consigliere Delegato del Comune di Genova

Con la collaborazione e moderazione di Valentina JANNACONE

Approfondimenti(Who )
World No Tobacco Day 2019

In che modo il tabacco mette in pericolo la salute polmonare delle persone in tutto il mondo
World No TobaccoDay 2019 si concentrerà sui molteplici modi in cui l’esposizione al tabacco influisce sulla salute dei polmoni delle persone in tutto il mondo.
Questi includono:
Cancro ai polmoni. Il fumo di tabacco è la causa principale del cancro del polmone, responsabile di oltre due terzi delle morti per cancro del polmone a livello globale. Anche l’esposizione del fumo di seconda mano a casa o sul posto di lavoro aumenta il rischio di cancro ai polmoni. Smettere di fumare può ridurre il rischio di cancro ai polmoni: dopo 10 anni di abbandono, il rischio di cancro ai polmoni scende a circa la metà di quello di un fumatore.
Malattia respiratoria cronica Il fumo di tabacco è la principale causa di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), una condizione in cui l’accumulo di muco riempito di pus nei polmoni si traduce in una tosse dolorosa e difficoltà di respirazione agonizzante. Il rischio di sviluppare BPCO è particolarmente elevato tra le persone che iniziano a fumare in giovane età, poiché il fumo di tabacco rallenta significativamente lo sviluppo del polmone. Il tabacco aggrava anche l’asma, che limita l’attività e contribuisce alla disabilità. La cessazione anticipata del fumo è il trattamento più efficace per rallentare la progressione della BPCO e migliorare i sintomi dell’asma.
Attraverso il corso della vita. I neonati esposti in-utero alle tossine del fumo di tabacco, attraverso il fumo materno o l’esposizione materna al fumo passivo, spesso hanno una ridotta crescita e funzionalità dei polmoni. I bambini piccoli esposti al fumo passivo sono a rischio di esordio ed esacerbazione di asma, polmonite e bronchite e frequenti infezioni respiratorie inferiori.
Globalmente, secondo le stime, 165.000 bambini muoiono prima dei 5 anni di infezioni respiratorie inferiori causate dal fumo passivo.

Coloro che vivono fino all’età adulta continuano a subire le conseguenze sulla salute dell’esposizione al fumo di seconda mano, poiché frequenti infezioni respiratorie inferiori nella prima infanzia aumentano significativamente il rischio di sviluppare la BPCO in età adulta.
Tubercolosi. La tubercolosi (TB) danneggia i polmoni e riduce la funzionalità polmonare, che è ulteriormente esacerbata dal fumo di tabacco. I componenti chimici del fumo di tabacco possono scatenare infezioni latenti della tubercolosi, che sono infettate da circa un quarto di tutte le persone. La TBC attiva, aggravata dai dannosi effetti sulla salute dei polmoni del fumo di tabacco, aumenta sostanzialmente il Rischio di invalidità e morte per insufficienza respiratoria.
Inquinamento dell’aria. Il fumo di tabacco è una forma molto pericolosa di inquinamento dell’aria interna: contiene oltre 7 000 sostanze chimiche, 69 delle quali sono note per causare il cancro. Anche se il fumo può essere invisibile e inodore, può rimanere sospeso nell’aria per un massimo di cinque ore, mettendo quelli esposti a rischio di cancro ai polmoni, malattie respiratorie croniche e ridotta funzionalità polmonare.
Campagna Goals of the World No Tobacco Day 2019
La misura più efficace per migliorare la salute polmonare è ridurre l’uso di tabacco e l’esposizione al fumo di seconda mano. Ma la conoscenza tra ampie fasce del pubblico in generale, e in particolare tra i fumatori, sulle implicazioni per la salute dei polmoni delle persone dal tabagismo e dall’esposizione al fumo di seconda mano è bassa in alcuni paesi. Nonostante le forti prove dei danni del tabacco sulla salute polmonare, il potenziale del controllo del tabacco per migliorare la salute polmonare rimane sottostimato.
La campagna World No TobaccoDay 2019 aumenterà la consapevolezza su:
• rischi derivanti dal fumo di tabacco e dall’esposizione al fumo di seconda mano;
• consapevolezza sui particolari pericoli del fumo di tabacco per la salute dei polmoni;
• magnitudo di morte e malattia a livello globale da malattie polmonari causate dal tabacco, comprese le malattie respiratorie croniche e il cancro ai polmoni;
• evidenze emergenti sul legame tra fumo di tabacco e morti per tubercolosi;
• implicazioni dell’esposizione di seconda mano per la salute polmonare delle persone di tutte le età;
• importanza della salute dei polmoni per raggiungere la salute e il benessere in generale;
• Azioni e misure attuabili che i principali destinatari, compresi il pubblico e i governi, possono adottare per ridurre i rischi per la salute dei polmoni causati dal tabacco.

Il tema trasversale della salute del tabacco e dei polmoni ha implicazioni per altri processi globali, come gli sforzi internazionali per controllare le malattie non trasmissibili (NCD), la tubercolosi e l’inquinamento atmosferico per promuovere la salute. Serve come un’opportunità per coinvolgere le parti interessate in tutti i settori e responsabilizzare i paesi per rafforzare l’attuazione delle comprovate misure di controllo del tabacco MPOWER contenute nella convenzione quadro dell’OMS per il controllo del tabacco (FCTC WHO).
Chiamare all’azione
La salute polmonare non viene raggiunta solo attraverso l’assenza di malattie e il fumo di tabacco ha importanti implicazioni per la salute polmonare dei fumatori e dei non fumatori a livello globale.
Al fine di raggiungere l’obiettivo dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) di una riduzione di un terzo della mortalità prematura della NCD entro il 2030, il controllo del tabacco deve essere una priorità per i governi e le comunità in tutto il mondo. Attualmente, il mondo non è sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo.

I paesi dovrebbero rispondere all’epidemia di tabacco attraverso la piena attuazione della FCTC dell’OMS e adottando le misure MPOWER al più alto livello di realizzazione, che comporta lo sviluppo, l’attuazione e l’applicazione delle politiche di controllo del tabacco più efficaci volte a ridurre la domanda di tabacco.
I genitori e gli altri membri della comunità dovrebbero anche prendere misure per promuovere la propria salute, e quella dei loro figli, proteggendoli dai danni causati dal tabacco.
Le fonti
✓ https://www.who.int/news-room/events/detail/2019/05/31/default-calendar/world-no-tobacco-day
✓ www.reachitalia.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.